La cattiva notizia

Il diabete si sa, è una malattia infida, ti colpisce quando meno te l’aspetti.

E io infatti non me l’aspettavo, a 7 anni trovarsi a dover fare i conti con un cambiamento di stile di vita radicale non è cosa facile.

Durante le vacanze estive con i miei genitori si manifestarono i classici sintomi della malattia: sete incontrollabile e vescica … anche.

Si entrava in un bar per bere e di entrava poi nel successivo per andare al bagno, questo per parecchi giorni ma in vacanza si può dare colpa all’alimentazione, alle abitudini diverse, al caldo.

Al mio ritorno a casa i miei genitori parlarono con il loro medico di base che disse loro di portarmi a fare immediatamente delle analisi del sangue in quanto aveva un sospetto…

Alla mattina seguente mi portarono a fare il prelievo del sangue e lo stesso pomeriggio l’ospedale chiamò i miei genitori per comunicare che il sospetto del medico era fondato; 450 di glicemia, ricovero immediato in pediatria e l’inizio di una fastidiosa convivenza che a tutt’oggi dura.

Ricordo bene quell’estate dell’89 , mia mamma era incinta di mio fratello che da li a poco sarebbe nato, infatti puntualmente ai primi di settembre mio fratello pensò bene di nascere dopo quasi un mese nel quale sono rimasto ricoverato in ospedale.

Ebbene si, sono rimasto un intero mese ricoverato nel reparto di pediatria perchè la glicemia non collaborava e faceva di tutto per non essere gestita e anche perchè non si poteva chiedere ad una donna all’8 mese di gravidanza di prendersi cura di un bambino tutt’altro che tranquillo e disciplinato al quale era pure venuto il diabete. Quindi la scelta migliore fu quella di tenermi in reparto per farmi tornare a casa assieme a mia mamma e al mio nuovo fratello.

Come inizio non è stato certamente dei migliori e anche se chiunque si trovi di fronte ad una qualsiasi malattia si trova spaesato e consapevole di dover cambiare le proprie abitudini; penso però che quando si tratta di un bambino di pochi anni la cosa possa risultare ancora più avvilente e frustrante.

La cattiva notiziaultima modifica: 2018-08-05T02:10:23+02:00da ilmiodiabete
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento